Il cardiofrequenzimetro

Oggi ci promoniamo di presentarvi uno dei più importanti ed utili oggetti per il vero appassionato di fitness: il cardiofrequenzimetro.

Inizio questo articolo affermando che non esistono prodotti che riescono a rilevare la frequenza cardiaca in maniera corretta senza richiedere l’utilizzo della fascia cardio.

 

Polar FT80Le rilevazioni palmari o chiamate EKG o Hand Pulse rilevano un battito che ha un valore puramente indicativo.
Ognuno di noi ha una propria conformazione, tra un soggetto e un altro sicuramente possiamo trovare alcune differenze fisiche fondamentali come il diverso spessore della pelle o l’acidità della stessa o il quantitativo di acqua, la sudorazione ecc; tutti fattori che fanno “sballare” il valore dei battiti rilevati con una strumentazione diversa da quella toracica.

 

Con il Cardio impariamo a conoscerci, normalmente il cardio è composto da un orologio e da una fascia come i cardiofrequenzimetri della Polar o della Garmin che in più hanno la funzione di essere anche dei GPS, dei veri e propri computer portatili satellitari che riescono a darci tantissime informazioni utili come il passo al km,  la media di corsa o i km percorsi ecc.

 

Il cardio diventa il proprio allenatore.
Per capire come deve essere utilizzato dobbiamo capire la differenza tra la soglia aerobica e la soglia anaerobica.
Per ottenere la soglia anaerobica bisogna fare 220 meno l’età meno 8% (comunque la frequenza di soglia anaerobica è soggetta a cambiamenti in base all’allenamento).
La frequenza minima allenante è data dalla frequenza massima teorica meno il 35/40% sotto questo valore non ci stiamo allenando.

ESEMPIO:

Io ho 36 anni- calcolo 220-36=184 è la frequenza massima teorica -8%  = 169 frequenza di soglia anaerobica.
La mia frequenza minima allenante è  110 battiti

Quindi 184 battiti è il valore che non devo mai superare per fare un allenamento in sicurezza e 110 battiti è il valore minimo sul quale non devo mai scendere mentre mi alleno.

Mentre 138 battiti (220 meno età meno il 25%) dovrebbe permettermi di affrontare un fondo lento che mi permette di perdere peso.

 

Esistono tapis roulant dotati di programmi Cardio o H.R.C. con fascia cardio che ci permettono di impostare i battiti desiderati.
Il tapis roulant in automatico aumenta o diminuisce la velocità o l’inclinazione facendoci lavorare sempre al battito desiderato è come se avessimo costantemente un personal trainer vicino al nostro tapis roulant.

Lascia un Commento

L’Autore

Google-Plus-Logo

Stefano Donadio

Da esperto di attrezzature fitness a "ultramaratoneta"...
Da tradizionale buongustaio a "gourmet del bio"...
Lavoro e passione, un connubio perfetto!



facebook_logoSeguimi su Facebook!