L’intestino non ci fa invecchiare!!!!

L’ intestino umano è rivestito da decine e decine di milioni di cellule nervose: è praticamente un cervello a sé stante. E in effetti, l’intestino parla al cervello, rilasciando ormoni nel flusso sanguigno che, nel corso di circa 10 minuti, ci dicono “quanto sia affamato o che non avremmo dovuto mangiare due piatti di pasta”. Ma un nuovo studio rivela che l’intestino ha una connessione molto più diretta con il cervello attraverso un circuito neurale che gli consente di trasmettere segnali in pochi secondi. 

Queste scoperte potrebbero portare a nuovi trattamenti per l’obesità, i disturbi alimentari e persino la depressione e l’autismo, tutti fattori collegati a un intestino malfunzionante.

Nel 2010, il neuroscienziato Diego Bohórquez della Duke University di Durham, nella Carolina del Nord, ha fatto una scoperta sorprendente guardando attraverso il suo microscopio elettronico. Le cellule enteroendocrine, che fissano il rivestimento dell’intestino e producono ormoni che stimolano la digestione e sopprimono la fame, hanno protrusioni che assomigliano alle sinapsi utilizzate dai neuroni per comunicare tra loro. Bohórquez sapeva che le cellule enteroendocrine potevano inviare messaggi ormonali al sistema nervoso centrale, ma si chiedeva anche se potevano “parlare” al cervello usando segnali elettrici, come fanno i neuroni. Se è così, le cellule endocrine dovrebbero inviare i segnali attraverso il nervo vago, che viaggia dall’intestino al tronco cerebrale.

I ricercatori hanno iniettato un virus della rabbia fluorescente, che è stato trasmesso attraverso sinapsi neuronali, nei topi e hanno aspettato che le cellule enteroendocrine e i loro partner si accendessero. ” Questi partner si sono rivelati essere neuroni vagali“, riferiscono i ricercatori su Science.

In una capsula di Petri, le cellule enteroendocrine raggiungevano i neuroni vagali e formavano connessioni sinaptiche l’una con l’altra. Le cellule emettevano persino glutammato, un neurotrasmettitore coinvolto nell’odore e nel gusto, che i neuroni vagali raccoglievano nell’arco di 100 millisecondi, più velocemente di un battito di ciglia.

La velocità delle connessioni sinaptiche delle cellule enteroendocrine è molto più veloce di quanto gli ormoni possano viaggiare dall’intestino al cervello attraverso il flusso sanguigno”, dice Bohórquez.  “La lentezza degli ormoni può essere responsabile dei fallimenti di molti soppressori dell’appetito. Il passo successivo è studiare se questa segnalazione gut-brain fornisce al cervello informazioni importanti sui nutrienti e sul valore calorico del cibo che mangiamo”.

Un altro studio, pubblicato sulla rivista Cell, rivela come le cellule sensoriali dell’intestino ci possano beneficiare ulteriormente. I ricercatori hanno utilizzato i laser per stimolare i neuroni sensoriali che innervano l’intestino nei topi, producendo sensazioni gratificanti che i roditori hanno lavorato duramente per ripetere. La stimolazione laser ha anche aumentato i livelli di un neurotrasmettitore stimolante l’umore chiamato dopamina nel cervello dei roditori.

“Combinate, le due ricerche aiutano a spiegare perché stimolare il nervo vago con la corrente elettrica può trattare una grave depressione nelle persone”, dice Ivan de Araujo, un neuroscienziato della Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York, che ha guidato lo studio. I risultati possono anche spiegare perché, a livello base, mangiare ci fa sentire bene. “Anche se questi neuroni sono al di fuori del cervello, si adattano perfettamente alla definizione di neuroni di ricompensa “che guidano la motivazione e aumentano il piacere”, dice il ricercatore.

Sei quello che mangi”, dice il proverbio. La scienza ora invece ci dice che “siamo ciò che mangiano i batteri che vivono nel nostro tratto intestinale” e questo potrebbe avere un’influenza sul modo in cui invecchiamo. Gli scienziati della McGill University hanno nutrito moscerini della frutta con una combinazione di probiotici e un integratore a base di erbe chiamato Triphala che è stato in grado di prolungare la longevità delle mosche del 60% e proteggerle dalle malattie croniche associate all’invecchiamento.

Triphala è un tradizionale integratore a base di erbe che risale a migliaia di anni ed è menzionato nei tradizionali testi indiani. Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, aggiunge un crescente numero di prove all’‘influenza che i batteri intestinali possono avere sulla salute. I ricercatori hanno aggiunto un simbiotico – fatto di probiotici con un supplemento ricco di polifenoli – alla dieta delle mosche della frutta. Le mosche alimentate con il sinbiotico sono vissute fino a 66 giorni – 26 giorni in più rispetto a quelle senza supplemento. Hanno anche mostrato tratti ridotti dell’invecchiamento, come il mantenimento della resistenza all’insulina, l’infiammazione e lo stress ossidativo.”

probiotici modificano radicalmente l’architettura del microbiota intestinale, non solo nella sua composizione, ma anche rispetto a come vengono metabolizzati i cibi che mangiamo“, dice Satya Prakash, Professore di ingegneria biomedica presso la Facoltà di Medicina della McGill e autore principale dello studio . “Ciò consente a una singola formulazione probiotica di agire simultaneamente su più vie biochimiche di segnalazione per ottenere ampi effetti fisiologici benefici e spiega perché la singola formulazione che presentiamo in questo documento ha un effetto così drastico su così tanti diversi marcatori”.

La mosca della frutta è notevolmente simile ai mammiferi con circa il 70% di somiglianza in termini di percorsi biochimici, il che la rende un buon indicatore di ciò che accadrebbe nell’uomo”, aggiunge Prakash.”Gli effetti sugli esseri umani non saranno così drastici, ma i nostri risultati suggeriscono sicuramente che una dieta che incorpora specificatamente Triphala insieme a questi probiotici promuoverà una vita lunga e sana”.

Gli autori dicono anche che i risultati dello studio possono essere spiegati dall’asse “intestino-cervello”, un sistema di comunicazione bidirezionale tra microrganismi che risiedono nel tratto gastrointestinale – il microbiota – e il cervello. Negli ultimi anni, gli studi hanno dimostrato che l’asse microbiota-cervello è coinvolto nei cambiamenti neuropatologici e in una varietà di condizioni come la sindrome dell’intestino irritabile, la neurodegenerazione e persino la depressione.

Il supplemento di erbe usato nello studio, Triphala, è una formulazione fatta da amalaki, bibhitaki e haritaki, frutti usati come piante medicinali nell’Ayurveda, una forma di medicina tradizionale indiana. 

Susan Westfall, ex dottoranda presso la McGill e autrice principale dello studio, afferma che l’idea di combinare Triphala e probiotici deriva dal suo interesse di lunga data per lo studio di prodotti naturali derivati ​​dalla medicina tradizionale indiana e il loro impatto sulle malattie neurodegenerative.

“All’inizio di questo studio, eravamo fiduciosi che combinare Triphala con i probiotici sarebbe stato almeno un po’ migliore delle loro singole componenti in termini di beneficio fisiologico, ma non immaginavamo quanto sarebbe stata efficace questa formulazione”, dice Westfall, che ora è un postdoctoral fellow presso l’Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York, negli Stati Uniti.

ll nuovo studio, che include dati depositati in un brevetto provvisorio degli Stati Uniti attraverso una società co-fondata dagli autori, ha il potenziale di influire sul campo del microbioma, dei probiotici e della salute umana. Considerando gli ampi effetti fisiologici di questa formulazione mostrati nella mosca della frutta, Prakash spera che la loro formulazione possa avere interessanti applicazioni in una serie di disturbi umani come il diabete, l’obesità, la neurodegenerazione, l’infiammazione cronica, la depressione, la sindrome dell’intestino irritabile e persino il cancro.

Triphala è composta da tre piante:

-La prima, Amalaki (Emblica officinalis), è anche conosciuta come “uva spina indiana”; è considerata una delle migliori piante ringiovanenti, ed è inoltre un ottimo antinfiammatorio e antiossidante naturale ricco di fibre, ferro e polifenoli. Contiene venti volte il valore di vitamina C presente in un’arancia. In India, Amalaki è conosciuta come la “erba infermiera”, perché rafforza il sistema immunitario

-La seconda, Haritaki (Terminalia chebula), ha un potere purificante e svolge un’azione purgante grazie alla presenza di antrachinoni. Ottima per la cura delle ferite in quanto stimola la produzione di collagene; è epatoprotettiva, febbrifuga, antivirale, espettorante e ipoglicemica

Bibhitaki (Terminalia bellerica), infine, è un’eccellente ringiovanente, tonico del cervello, favorisce il sonno e cura la vista. È un potente broncodilatatore: la sua azione elimina l’eccesso di muco nel corpo e inibisce le complicazioni polmonari, quali anche bronchiti e asma. Antielmintico e antisettico, controlla coliti e diarrea e regola l’eccessiva flatulenza; agisce anche nelle patologie dell’apparato biliare

Sappiamo che in Ayurveda è valido il principio per cui un preparato acquista una maggiore efficacia se associato ad altri composti. È questo il motivo per cui i medicamenti ayurvedici sono sempre una miscela di piante: la loro azione risulta potenziata.

Fibra, probiotici, lieviti naturali,prebiotici, frutta fresca, verdura di stagione sicuramente potenziano il nostro intestino, inoltre lo sport aerobico la corsa su tutti ci aiutano anche ad avere un transito intestinale molto veloce con gli ovvi benefici, per questo vi consiglio di utilizzare il tapis roulant.

Sicuramente zucchero,alcool, cibi grassi e farine raffinate e stress danneggiano il nostro intestino.

Lascia un Commento

L’Autore

Google-Plus-Logo

Stefano Donadio

Da esperto di attrezzature fitness a "ultramaratoneta"...
Da tradizionale buongustaio a "gourmet del bio"...
Lavoro e passione, un connubio perfetto!



facebook_logoSeguimi su Facebook!