Archivio di agosto 2016

IRONMAN: curiosità

L’IRONMAN è una Gara di Triathlon lunga .

Due sono le distanze: distanze 70.3 (mezzo Ironman 1,9 km a nuoto, 90 bici, 21 km di corsa) e il Full che è il vero IRONMAN (3,8 km di nuoto, 180 di bici, 42.195 di corsa). Ironman è il circuito più bello al mondo, questa fama è dovuta all’eccellente organizzazione. Ironman è un marchio di valore internazionale.

Le altre gare di Triathlon sono lo Sprint e L’olimpico: Sprint 750 m nuoto, 20 km in bici e 5 km a piedi; Olimpico 1500 nuoto, 40 bici, 10 a piedi

Non voglio stare qui a parlare della preparzione per queste gare molto impegnative in quanto parliamo di 3 sport in 1….e non di tre sport….

Vorrei farvi capire solo che preparazione c”è solo nell’allestire miticolosamente le zone cambio ( le sacche bike e running con tutto il necessario La foto credo faccia ben capire la preparzzione). Per non parlare della preparazione della bicicletta nel caso in cui si debba partire con l’aereo per raggiungere la destinazione della gara.

Le domande che ogni principante si pone sono:

Meglio il tubolare o il copertoncino per le mie ruote?

Il tubolare permette un gonfiaggio maggiore e quindi maggiore scorrevolezza ma c’è il rischio di non riuscire a ripararla in caso di foratura cosa che non avviene con il copertoncino. Io ho gareggiato con il tubolare portandomi con me la bomboletta per ripararlo (2 bombolette) + bombolette di ossigeno + nastro adesivo da utilizzare per tappare il buco prima di utilizzare la bomboletta per la riparazione. Inoltre avevo messo del lattice e montato pneumatici nuovi prima della gara.

Meglio usare la muta o no?
spesso l’utilizzo della muta è deciso dall’organizzazione della gara, la muta aiuta il galleggiamento e la velocità in acqua. Mi raccomando tanta vasellina sul collo la muta potrebbe farvi un vero e prorio buco sopratutto sul lato del collo con cui respirate

Quale occhialini sono i migliori?

in molti usano zoggs

Nella zona cambio le scarpe bike le lascio nella busta o le attacco alla bici?

bisogna allenarsi anche a salire e scenderedalla bike non provate in gara

Cosa metto nelle sacche per la zona cambio?

nella sacca running servono le scarpette running in + metterei della vasellina e  un integratore, in quella da bike dipende cosa lasciate sulla bike.

sulla bike lascerei occhiali e scarpe oltre al casco.

Come faccio a trovare la mia bici o la mia sacca tra centinaia ?

il giorno prima focalizzate bene il percorso e prendete dei punti di riferimento.

La partenza come avverrà?

o a scaglioni di età o partenza libera

Mi vesto con lo Spezzato o Body?

per le gare lunghe assolutamente spezzato vi agevolerà per fare i vostri bisogni

La mattina della gara posso tornare a visionare la bici e le sacche?

certo che si , dovete controllare la pressione delle gomme ricordatevi una pompa

NOTE:

-Utilizzare del nastro da carrozziere e per segnare l’altezza giusta della sella e del canotto del manubrio (vedi foto)

-cambiare la catena, (una catena dura circa 4.000 km) nel dubbio cambiatela.

IronMan

La mia esperienza è la dimostrazione di come si possa in soli 9 mesi arrivare a chiudere un IronMan, non avendo mai nuotato e corso in bicicletta.

Il mio sport da qualche anno è la corsa…. e i migliori risultati sono venduti in Maratona e in Ultramaratona…. allora in un periodi di stanca mi sono detto, sfida nuova………parto da zero in 2 sport.

Per Natale mi regalo la bici e da gennaio inIzio ad andare a nuotare.

Gennaio e Febbraio sono stati 2 mesi di approccio…. in bici dovevo abituarmi alla sella mi dava fastidio il collo i polsi ecc… a nuoto lezioni di tecnica…. poi

con sole 8 settimane di allenamento specifico ho fatto il mio primo mezzo Ironman (70.3 di Aix en Provence) concluso in 5:24 (37 a nuoto,3:02 in bike e 1:34 la mezza maratona).

In quest’occasione ho patito il tipo di corsa non fluida e scorrevole, come in una classica mezza maratona, ma un percorso da ripetere 4 volte con tanta gente che non ti permettere di tenere il ritmo di corsa (curve secche tipo girare intorno ad un birillo). Dopo 1 mese e mezzo partecipo al 70.3 di Pescara peggiornado il risultato cronometrico fondamentalmente dovuto a forti problemi di pancia che mi ha costretto ad alcuni stop in corsa…il giorno dopo scopro sul giornale che in moltissimi si sono sentiti male a causa del forte caldo e molto probabilmente per dell’acqua contaminata che avevamo bevuto (carica batterica alta).

Continuo i miei allenamenti estivi scanditi dal lungo in bici la domenica (120/150 km)e dal lungo a piedi il lunedì sera (28-30 km). i 4000/5000 metri in vasca non si contano. Allenamenti da 17 a 24 ore settimanali….

A fine settembre riesco a concludere il mio 1° IronMan…perchè la vera paura è quella che un imprevisto durante la gara ti possa far saltare tutti i programmi della gara, e sicuramente il tratto in bici è quello che protrebbe essere pieno di sorprese. Iron Mallorca concluso in 11:33…non male per un “povero”podista.

Il motto Ironman Anything is possible è confermato dalla mia esperienza.

 

 

L’Autore

Google-Plus-Logo

Stefano Donadio

Da esperto di attrezzature fitness a "ultramaratoneta"...
Da tradizionale buongustaio a "gourmet del bio"...
Lavoro e passione, un connubio perfetto!



facebook_logoSeguimi su Facebook!