Archivio di maggio 2014

100 km del Passatore 2014

Che bravi gli atleti umbri alla 100 km del Passatore! La gioia di Stefano Donadio e Lorena Piastra

26.05.2014 19:38 di Antonello Menconi

E’ una delle gare più affascinanti tra quelle che si disputano in Italia. La 100 Km del Passatore, che congiunge le città di Firenze e Faenza. Una gara massacrante, considerando che il percorso presenta salite e discese, tratti oscuri ed insidiosi, con il cambio della temperatura più volte durante la gara. Partendo infatti alle 15 del sabato, per molti l’arrivo è in piena notte. Come ogni anno, non sono mancati gli atleti perugini ed umbri in gara. Il primo umbro a tagliare il traguardo è stato l’eccezionale Stefano Donadio (nella foto con la medaglia), perugino doc di 39 anni, portacolori della Dream Runners Perugia, che ha chiuso al trentesimo posto con il tempo di 8 ore 38 minuti 53 secondi, chiudendo quinto di categoria. Una prova eccezionale per lui, che sta diventando un autentico specialista delle ultramaratone, destinato a crescere ulteriormente. Tra le donne altra brillante prestazione da parte dell’infaticabile Lorena Piastra del Cdp-T&RB Group Area Sistema, la squadra podistica del Circolo Dipendenti Perugina, che ha chiuso trentunesima tra le donne, con il tempo di 10 ore 43 minuti 46 secondi. A vincere è stato Giorgio Calcaterra, 42 anni compiuti lo scorso febbraio, il “taxi driver” di Roma ha fatto sua la 42esima edizione della competizione con il tempo di 7 ore 5 minuti 5 secondi. Per lui, nona vittoria consecutiva, che lo confermano il più grande atleta italiano e mondiale della specialità. Vanno ricordate però le prestazioni di altri atleti umbri, quali ad esempio Massimiliano Falleri del Marathon Città di Castello con 8 ore 44 minuti 19 secondi, Roberto Bellini del Ce.Se.Nal. Foligno con 8 ore 49 minuti 23 secondi, Moreno Piampiano dello stesso Cdp con 11 ore 28 minuti 33 secondi, Mirco Proietti Gagliardoni, con un passato anche da calciatore per un anno nelle giovanili del Milan, tesserato per la Podistica Avis Deruta, con 12 ore 30 minuti 54 secondi, Francesco Canapari, anche lui dell’Atletica Avis Perugia, con 12 ore 37 minuti 52 secondi. Eccezionale, tra le donne, la priva di Silvia Del Bianco, consorte dello stesso Canapari e compagna di squadra, con il tempo di 12 ore 5 minuti 48 secondi. Si è dovuto invece ritirare Massimiliano Sfondalmondo, altro portacolori dell’Avis Perugia.

articolo tratto da Perugia 24 vedi linkhttp://www.perugia24.net/news/che-bravi-gli-atleti-umbri-alla-100-km-del-passatore-la-gioia-di-stefano-donadio-e-lorena-piastra-5316

Sotto articolo pubblicato sul Messaggero

articolo del Messaggero

articolo del Messaggero

Come prendere le misure del nastro del tapis roulant

Nel corso degli anni il nastro di solito è stato tensionato più volte fino alla sua massima estensione cioè a fine battuta della vite con cui si regola il nastro.

Nel prendere la misura della  lunghezza , in quanto la larghezza non presenta nessuna problematica, bisogna tener conto dello spazio tra la tavola e il rullo posteriore del tapis roulant.

Se rifate fare un nastro (che avete già tensionato con la vite a fine battuta) identico a quello da sostuire non potreste più tensionarlo, quindi bisogna ordinarlo leggermente più corto.

Nella foto  potete vedere qual’è lo spazio da sottrarre nella misurazione del nastro (logicamente per 2) in quanto la misura è quella del nastro completamente steso (tagliato, quindi non ad anello) a questa misura dovete aggiungere almeno 3 mm per evitare che il nastro sia troppo stretto.

Per acquistare dei nastri per tapis roulant o per vedere dei video su come prendere le misure cliccate su questo link:  http://www.tapisroulantstore.it/nastri-ricambio-tapis-roulant.html

 

 

Sensori della velocità dei tapis roulant

Se il tapis roulant si arresta dopo 8-10 secondi dalla partenza vi consigliamo di pulire il sensore della velocità del vostro tappeto. Il sensore può essere posizionato o vicino al motore e allora dobbiamo parlare di sensore ottico della velocità o vicino alla puleggia del rullo anteriore e allora il termine corretto è sensore magnetico della velocità.

L’importanza della lubrificazione del nastro del tapis roulant

Nelle immagini potete vedere un nastro che non è stato lubrificato affatto o non a sufficenza. La mancata lubrificazione comporta la polverizzazione della tela (quella bianca vedi foto sotto) che scorre sulla tavola del tapis roulant.

La mancata lubrificazione del nastro potrebbe bruciare la copertura esterna del piano di corsa (in formica o altro materiale simile).

Un nastro non lubrificato oltre a danneggiare la tela e  la tavola potrebbe danneggiare anche il motore in maniera definitiva.

La mancanza di lubrificazione che deve avvenire con un olio specifico al Teflon comporta un maggior coefficente di attrito facendo salire in maniera eccessiva la temperatura del motore.

Un nastro ben lubrificato permette anche di risparmiare energia elettrica. Per approfondire l’argometo sui consumi puoi leggere quest’articolo: http://blog.tapisroulantstore.it/2013/08/26/quanti-watt-consumano-i-tapis-roulant/

 

L’Autore

Google-Plus-Logo

Stefano Donadio

Da esperto di attrezzature fitness a "ultramaratoneta"...
Da tradizionale buongustaio a "gourmet del bio"...
Lavoro e passione, un connubio perfetto!



facebook_logoSeguimi su Facebook!