Articoli marcati con tag ‘scarpe running’

Le tue scarpe usate

Scarpe running NewBalanceLo sai che le tue scarpe da running usate potrebbero aiutare un ragazzo o una ragazza keniana a vincere una medaglia alle prossime Olimpiadi?

E’ sta questa la domanda con la quale lacrew degli Eternals Eagles e Rec Films  hanno deciso di presentare il loro progetto “Used running Shoes for Kenya”: raccogliere scarpe da running e materiale sportivo da regalare agli studenti della St Patrick School di Iten, piccola città negli altopiani della Rift Valley in Kenya, a 2400 metri di altitudine, e fornire a bambini e ragazzi i mezzi tecnici per portare avanti la passione per la corsa. Loro sono Giordano Bravetti, fondatore della crew romana, e Francesco “Francisco” Grimaldi, regista e videomaker. Entrambi runners per passione. La St Patrick school è famosa per aver dato i natali a grandissimi campioni, come Wilson Kipsang, ex detentore del record del mondo di maratona, Abel Kirui, 2 volte oro mondiale di maratona, David Rudisha, campione del mondo e olimpionico sugli 800 metri,Florence Kiplagat, detentrice del record mondiale sui 21,097 km. Ultimo, e non meno importante, Rhonex Kipruto (18 anni), che il 29 aprile ha corso i 10 km più veloci di sempre su suolo americano in 27′ 08”. Un risultato importante, proprio perchè rafforza e supporta l’idea e il progetto di Giordano e Francesco.
“Un progetto nato qualche anno fa -raccontano i due ideatori-e diventato realtà negli ultimi mesi. Volevamo fare qualcosa che non si limitasse esclusivamente a conoscenti, amici e compagni di corsa, ma che si potesse allargare a tutto il mondo. Abbiamo raccolto moltissime scarpe, abbiamo coinvolto persone in quasi tutti i continenti, siamo stati intervistati dai giornali e abbiamo avuto la possibilità di parlare della nostra esperienza anche in TV. La nostra idea, oltre a convincere noi stessi è riuscita a convincere anche tantissime altre persone, una cosa bellissima”. Il materiale raccolto per il progetto è arrivato da Roma, Milano,Torino,Ravenna,New York,Miami,Istanbul,Bordeaux, e Glasgow. Scatole e scatole di scarpe, ma anche maglie e pantaloncini. Arrivato a Roma, tutto è stato etichettato accuratamente e impacchettato Una parte è stata spedita da Fiumicino a Istanbul e poi a Nairobi, mentre un’ altra parte è stata trasportata personalmente dal gruppo che si è diretto in Kenya, passando per Amsterdam e Francoforte. Poi, una volta atterrati, in pulmino fino a Iten. “Ci aspettavamo e ci eravamo organizzati per 150 paia di scarpe- ha confessato Francesco- e alla fine ne sono arrivate 400. Non eravamo pronti a trasportare tutto quel carico, non sapevamo proprio come fare. Così abbiamo dovuto cambiare in corsa tutti i nostri programmi”. “Il trasporto in una zona così lontana e difficilmente raggiungibile non è stato semplice. Anche per le dinamiche sociali legate al territorio. Per la gente del posto le scarpe hanno un grande valore ( 100 euro è lo stipendio di un operaio in Kenya) e ci siamo dovuti scontrare con una corruzione che non ci saremmo mai aspettati”. A Giordano è toccato l’arduo compito di trovare i contatti in loco. “Contattare la scuola e raggiungerla non è stato semplice come ci si può aspettare. Ci sono voluti mesi di ricerca, continue e-mail, tentativi di contatti improvvisati tramite facebook”. E’ stato però il viaggio forse la parte più difficile e rischiosa di tutto il progetto. Scontrarsi con una realtà totalmente diversa da quella immaginata e conosciuta,soprattutto per chi lo stava facendo senza alcun scopo di guadagno personale .

“Passare la dogana indenni è stata dura. Gli agenti ci hanno chiesto soldi, regali. Ci hanno minacciato più volte, cercando di portare via quello che avevamo con noi, ma destinato ad altri. E’ triste vedere che chi dovrebbe rappresentare la legge approfitta dei propri poteri a scapito dei più deboli e meno fortunati”. E una volta in strada la situazione non è cambiata. “Durante il viaggio ci siamo trovati bloccati, non per nostra volontà, in una stradina. Centinaia di persone ci hanno circondato e qualcuno ha anche provato a salire sul pulmino.Se avessero scoperto il nostro carico, molto probabilmente saremmo stati assaliti. Sono stati momenti di tensione, di paura. Un pò per la nostra incolumità, un pò per il nostro progetto”. Ma la fatica è stata subito ripagata una volta raggiunta la meta. “Vedere la gioia negli occhi di chi ha ricevuto le nostre (vostre) scarpe è stato impagabile. Così come è stato un autentico dispiacere cogliere la delusione di chi non è riuscito ad avere il suo regalo ed è dovuto tornare a casa a mani vuote Mettere in contatto, seppur in modo viruale, un runner keniano con un runner dall’ altra parte del mondo è stato emozionante. Emozione viva che ho letto anche negli occhi di chi ha accompagnato in questo lungo viaggio”. ” La riconoscenza dei professori della scuola è stata unica- continua Francesco-. Alcuni di loro sono rientrati appositamente dalle ferie affrontando anche due giorni di viaggio pe veniread accoglierci. Probabilmente sono state le persone più consapevoli di quanto avevamo dovuto passare e di quello che stavamo facendo per loro. Vedere poi tutti i loro ragazzi in fila ad aspettare pazientemente il prprio turno, mostrando la loro “nuova”  scarpa con fierezza e gratitudine, non lo scorderò mai”.
“Da quando simo ripartiti, sono due le sensazioni che non ci hanno mai abbandonato. La sensazione di  vittoria, quel “ce l’abbiamo fatta” che ci siamo ripetuti più volte tra di noi. Un sentimento di profonda e intima felicità che faremo fatica a dimenticare. E poi quella sensazione di disarmante consapevolezza che ti fa capire che sudare, rischiare lavorare e lottare per regalare il proprio sogno ad un’altra persona è la cosa più bella del mondo”.  “Avremmo voluto fare di più e lo faremo-conclude Giordano-. Siamo contenti e fieri di quello che siamo riusciti a fare, ma nn ci fereremmo di certo qui. Da ottobre riprenderemo il nostro progetto e questa volta vogliamo riuscire a raccogliere 1000 paia di scarpe”. Magari alla prossima olimpiade ci sarà anche un pezzettino di te.

L’Autore

Google-Plus-Logo

Stefano Donadio

Da esperto di attrezzature fitness a "ultramaratoneta"...
Da tradizionale buongustaio a "gourmet del bio"...
Lavoro e passione, un connubio perfetto!



facebook_logoSeguimi su Facebook!